Acqua Potabile: 10 buone azioni. Il risparmio nasce dal rubinetto. Campagna per la riduzione degli sprechi di acqua potabile.

Fai la doccia anzichè il bagno


Doccia o bagno? è una questione di gusti personali e di abitudine? Può darsi! Ma è anche una questione di risparmio. Infatti per una doccia sono necessari circa 20 litri di acqua, mentre per un bagno ne possono servire anche 150. Il calcolo del risparmio è presto fatto. E allora forse in questo caso è meglio cambiare abitudini, soprattutto d’estate.

Fai funzionare la lavatrice e
la lavastoviglie a pieno carico


Se la famiglia non è numerosa, se in più "lui" resta fuori pranzo e la figlia è a dieta, per cui "uno yogurt e via", forse non è necessario far funzionare la lavastoviglie tutti i giorni.
Lo stesso vale per la lavatrice: tutto e perfettamente pulito a casa tua, ma forse basta aspettare un solo giorno a fare il bucato per avere la lavatrice completamente carica e risparmiare una notevole quantità di acqua potabile e di energia elettrica. Per una famiglia "tipo" di tre persone i risparmi possono essere anche di 8.200 litri all’anno.

Chiudi il rubinetto
quando ti lavi i denti o ti radi


Aprire e chiudere il rubinetto sono azioni abituali, che facciamo senza pensare.
Sicuramente nessuno è in grado di dire quante volte ripete questa azione nella giornata.
Lavarsi i denti o farsi la barba sono altre azioni quotidiane, che occupano alcuni minuti della giornata di tutti, durante i quali, per pigrizia o per noncuranza, lasciamo scorrere l’acqua senza utilizzarla.
Se invece tenessimo aperto il rubinetto solo per il tempo per il prelievo dell’acqua effettivamente necessaria, potremmo risparmiare circa 2.500 litri di acqua per persona all’anno.

Lava le verdure lasciandole a mollo
anziché in acqua corrente


La dieta mediterranea, ricca di pasta e verdura, non è solo una moda: la salute e la forma fisica sono importanti per determinare la qualità della nostra vita. Ma le verdure devono essere accuratamente lavate e risciacquate. Se per questa operazione però sceglieremo di lasciarle a mollo in una vaschetta per un certo periodo di tempo, per sciacquarle poi velocemente sotto un getto d’acqua, riusciremo anche a realizzare un notevole risparmio di acqua potabile. Per una famiglia di tre persone è stato calcolato un risparmio di 4.500 litri. Pensaci.

Per lavare l’automobile
usa il secchio e non l’acqua corrente


Non pretendere di avere l’auto scintillante tutti i giorni. Usa il buon senso. Si è calcolato che il lavaggio dell’auto impiega acqua per circa 30 minuti, con un notevole volume di consumo. Se invece si utilizzasse un secchio si potrebbero risparmiare circa 160 litri di acqua potabile ad ogni lavaggio. Per lavare l’automobile, infatti, possono bastare tre secchi d’acqua.

Utilizza acqua usata
per annaffiare orto, fiori o piante


Per annaffiare l’orto o i gerani del terrazzo non è necessario usare acqua potabile. Si può invece adoperare l’acqua già utilizzata per altri scopi, ad esempio per lavare le verdure o altro.
Per non far evaporare l’acqua è meglio innaffiare le piante nelle ore più fresche della sera. Da preferirsi i sistemi di irrigazione a micropioggia e programmabili in modo da funzionare la notte quando l’utilizzo di acqua è minore. In questo modo si può arrivare a risparmiare 6.000 litri di acqua potabile all’anno.
Se proprio non riesci ad evitare di usare l’acqua dell’acquedotto, almeno innaffia il giardino dopo le 21.00, così l’energia elettrica consumata per il pompaggio costerà un po’ meno, e non danneggerai le piante bruciate dal sole.

Ripara il rubinetto che gocciola
e il water che perde


Plic, ploc. La goccia cade dal rubinetto: inesorabile. Nel silenzio della notte diventa un rumore assurdo, che non ti permette di dormire. Ma non sono solo i tuoi nervi a risentirne: quella piccola goccia si somma a tante altre che, inutilizzate, scorrono via in un vero e proprio spreco, inutile e dannoso per tutti, mentre riparare il rubinetto ti porterebbe via solo pochi minuti.
Risparmierai in un anno una notevole quantità d’acqua: 21.000 litri circa per la piccola goccia del rubinetto e 52.000 per il lento ma costante fluire dell’acqua del water.

Controlla la tua cassetta di scarico


Le normali cassette di scarico del water hanno una capacità di 12 litri, che, ad ogni scarico, vengono completamente rilasciati. Se le condizioni lo permettono sarebbe bene, invece, installare quei sistemi che sono in grado di erogare la quantità di acqua strettamente necessaria. Nei principali negozi di idraulica e sanitari sono da tempo in vendita sistemi per un consumo più razionale, quali quello "a rubinetto" o a "manovella" o quello "diversificato", che libera a scelta 6 o 12 litri d’acqua. Basta poco per arrivare ad un risparmio del 50% quantificabile in circa 26.000 litri l’anno.

Segnala le perdite di acqua lungo le strade


Può capitare di vedere lungo la strada una pozzanghera, anche se non piove da parecchio tempo. Segnalate il fatto al servizio guasti dell’azienda che gestisce l’acque-dotto nel vostro comune: potrebbe essere, infatti, indice di una perdita delle tubazioni interrate dell’acque-dotto, che, se non riparata con urgenza, provocherà un inutile spreco di acqua potabile.

La bolletta ti sembra più cara del solito


Controlla la bolletta. Se ti sembra che la bolletta sia più cara del solito, senza apparente motivo, controlla quanto segna il contatore dell’acqua: potrebbe esserci una perdita occulta nelle tubazioni di casa che ha fatto aumentare i tuoi consumi.

Icona Lavori in Corso

Sospensioni idriche programmate


         NESSUNA SOSPENSIONE IDRICA
         PROGRAMMATA IN CORSO!

linea separatrice

linea separatrice

1

settembre
2014
Interventi di Acque Veronesi in via Piccoli a Verona da mercoledì 3 settembre.

Inizieranno mercoledì 3 settembre i lavori per la pulizia di due pozzi di smaltimento per le acque meteoriche in via Piccoli a Verona. L’intervento, concordato con il Comune di Verona, sarà realizzato da Acque Veronesi e, salvo avverse condizioni atmosferiche, durerà 1 giorno. Dalle alle ore 9 [...]

Leggi tutto

26

agosto
2014
SANITA’: GIUNTA VENETA AVVIA CAMPIONAMENTO DEGLI ALIMENTI NELLE AREE DI VICENZA, PADOVA E VERONA INTERESSATE DA INQUINAMENTO DELLE ACQUE SUPERFICIALI DA SOSTANZE PFAS

E’ pronto, e prenderà avvio quanto prima, il Piano di Campionamento degli alimenti in alcuni territori delle province di Padova, Verona e Vicenza, nelle cui acque superficiali tempo addietro è stata rilevata la presenza di sostanze perfluoroalchiliche (PFASs). La relativa delibera è stata appr [...]

Leggi tutto

25

agosto
2014
Pfass. Analisi dei pozzi privati, Acque Veronesi conferma la propria disponibilità ad effettuare le verifiche presso il proprio laboratorio a costi contenuti.

In riferimento ai campionamenti dei pozzi privati in diverse zone della provincia di Verona, Acque Veronesi conferma che le analisi relative all’eventuale presenza di Pfass (sostanze perfluoroalchiliche) potranno essere svolte anche nel laboratorio dell’azienda e che il costo sarà calmierato a [...]

Leggi tutto

11

agosto
2014
San Giovanni Lupatoto. Dal 2008 al 2013 Acque Veronesi ha realizzato interventi per quasi 3 milioni di euro per impianti di fognatura e depurazione. In via Madonnina già previsti i lavori di manutenzione straordinaria

Ammonta a 2 milioni e 600 mila euro la cifra relativa agli investimenti realizzati da Acque Veronesi, tra il 2008 e il 2013, a San Giovanni Lupatoto in reti fognarie ed impianti di depurazione. La società consortile che gestisce il servizio idrico nel comune lupatotino, oltre che in altri 74 c [...]

Leggi tutto

6

agosto
2014
mpianti di depurazione e reti di fognatura nella bassa veronese. Dal 2010 al 2013 investimenti per quasi 7 milioni di euro. E nel prossimo quadriennio Acque Veronesi ne spenderà 10

Dal 2010 al 2013, solamente per la manutenzione di reti fognarie e impianti di depurazione nel basso veronese, Acque Veronesi ha investito 1 milione e 600 mila euro. Inoltre, la società consortile per l’estensione e la realizzazione di nuove infrastrutture ne ha speso più di 5. Le eccezionali [...]

Leggi tutto

6

agosto
2014
Acque Veronesi replica al sindaco di Legnago e al vicesindaco di Cerea: nella bassa investiti dal 2008 oltre 7 milioni di euro in infrastrutture

Oltre 7 milioni di euro dal 2008 ad oggi. Questa la cifra investita da Acque Veronesi in opere ed infrastrutture acquedottistiche nel basso scaligero, alla quale vanno aggiunti circa 1 milione e 400 mila euro per la relativa manutenzione. La società che gestisce il servizio idrico integrato i [...]

Leggi tutto