Il primo Cda del nuovo corso di Acque Veronesi. Il presidente Mantovanelli ed i consiglieri illustrano strategie e obiettivi della società consortile: “Pronti alle prossime impegnative sfide”.


Si è riunito questa mattina, venerdì 29 giugno, il primo Consiglio di Amministrazione di Acque Veronesi nominato lo scorso 29 maggio. L’incontro ha rappresentato un’occasione per illustrare strategie e obiettivi in vista degli impegni e delle sfide che attendono non soltanto la società di Lungadige Galtarossa, ma anche tutto il settore delle utilities che gravitano nell’idrico. Sono stati presentati alla stampa i componenti del nuovo cda, composto dal presidente Roberto Mantovanelli e dai consiglieri Paola Briani e Mirko Corrà.

Numerosi e particolarmente importanti gli argomenti all’ordine del giorno, tra questi il piano di investimenti che Acque Veronesi realizzerà in tutta la provincia scaligera. Sono state quindi illustrate le priorità e le opere infrastrutturali che interesseranno numerosi comuni veronesi, per un totale di 106 milioni di euro nel periodo 2016-2019* (circa 31 milioni nel 2018 e una quarantina nel 2019). L’imponente cantieristica prevede la realizzazione di importantissime infrastrutture sia di tipo fognario, che acquedottistico, attese da anni e l’adeguamento ed il potenziamento di numerose strutture già esistenti sul territorio. Sempre a proposito di cifre il neo presidente Mantovanelli ha ricordato come Acque Veronesi sia impegnata in un’operazione di ottimizzazione finanziaria al fine di realizzare il Piano degli Interventi varato in concomitanza alla proposta di aggiornamento tariffario 2018-2019, che porta gli investimenti programmati nel periodo 2016-2031 da 187,5 milioni a 413,5 milioni di euro. Si prevede l’accensione di un nuovo mutuo di valore analogo al debito ad oggi esistente, prolungando la durata del rimborso. L’operazione consentirà di realizzare i maggiori investimenti mantenendo una Posizione Finanziaria Netta sostanzialmente inalterata, riducendo gli oneri finanziari grazie alle attuali condizioni di mercato. Durante l’incontro si è parlato anche del problema pfas. I rappresentanti del cda hanno ricordato l’impegno e le attività messe in atto da Acque Veronesi fin dalla nascita delle criticità. Proprio nelle scorse settimane si sono conclusi i lavori di potenziamento dei filtri alla centrale di Lonigo. Il potenziamento del sistema di assorbimento tramite carbone attivo granulare ha l’obiettivo di garantire l’effettiva assenza di pfas nelle acque destinate al consumo umano (il cosiddetto “zero tecnico”), recependo così le indicazioni della Regione Veneto. Il solo raddoppio dei filtri ha avuto un costo di 1 milione e 800 mila euro, che vanno ad aggiungersi alle spese di manutenzione e al cambio dei filtri (circa 100 mila euro al mese) ed ai costi fino adesso sostenuti da Acque Veronesi (circa 3 milioni di euro). Nel lungo termine la prospettiva è quella dell’abbandono definitivo di tutti i pozzi a servizio della centrale di Lonigo.
 
La società proseguirà il suo percorso finalizzato ad un uso consapevole e responsabile dell’”Oro Blu” attraverso campagne di sensibilizzazione mirate a far conoscere l’importanza di una risorsa ambientale limitata e sempre più preziosa.
 
“Siamo pronti alle prossime impegnative sfide che ci attendono. Il settore che regolamenta il sistema idrico integrato è particolarmente complesso ed in rapida e continua evoluzione – ha commentato Mantovanelli – Acque Veronesi rappresenta sicuramente una realtà sana ed efficiente, come testimoniano i numeri emersi nel corso dell’approvazione dell’ultimo bilancio (circa 24 milioni di euro di investimenti in tutta la provincia scaligera nel solo 2017, un utile di quasi 2 milioni di euro). Cercheremo di implementare gli sforzi, operando sempre in un’ottica di collaborazione e costante dialogo con i primi cittadini del territorio che oltre ad essere i nostri soci, sono i portavoce delle necessità e delle esigenze dei loro cittadini e della collettività. La presenza per la prima volta nel Consiglio di Amministrazione della società di un sindaco va proprio in questa direzione, rafforzando così la collaborazione con le amministrazioni locali. Il nostro obiettivo – conclude il presidente - è quello di offrire una maggiore qualità del servizio possibile ai nostri utenti, con un occhio rivolto alle tematiche economico-finanziarie e patrimoniali e ai temi della sostenibilità ambientale. Studieremo infine, in accordo e con il coinvolgimento del Consiglio di Bacino, un piano di sostegno alle fasce economicamente più deboli e svantaggiate della popolazione e a tutte le famiglie in difficoltà”.
 
- Roberto Mantovanelli è laureato in Ingegneria Gestionale presso l’Università di Padova, con specializzazione al Politecnico di Milano. Ha esperienze professionali presso multinazionali e realtà locali nei settori della logistica, della metalmeccanica e termoidraulica. Vive a Salionze ed è alla prima esperienza alla guida di un Ente pubblico.  
 
- Per Paola Briani si tratta di una riconferma. Avvocato, esperta di normative ambientali, è stata consigliere dì Acque Veronesi dal 2015 al 2018, oltre ad essere tuttora membro del Consiglio di Amministrazione di Aqua Publica Europea.
 
- Mirko Corrà ricopre la carica di sindaco del Comune di Salizzole ininterrottamente dal 2009 ed è stato Consigliere Provinciale dal 2014 al 2017.
 
 
*  Principali cantieri 2018:
 
 
Intervento: Collettore fognario zona est di alleggerimento della rete di San Bonifacio – completamento (euro 2.200.000)
La realizzazione di un collettore di gronda è fondamentale per alleggerire la rete fognaria di San Bonifacio, ove confluiscono tutti i contributi reflui provenienti dalla Valle d’Alpone. Negli anni passati, è stato portato a compimento il primo stralcio di tale progetto (di costo superiore a 1,8 milioni di euro),  nel coro del biennio 2018-2019 si intende realizzarne il completamento mediante la sostituzione di circa 1.300 m  del collettore di fondovalle con una tubazione di diametro maggiore, che  sarà connessa con lo stralcio di collettore già realizzato all'interno del capoluogo di San Bonifacio.
 
Intervento: Adeguamento schema fognario depurativo nel comune di San Martino Buon Albergo (euro 1.143.000):
Al fine di dotare di adeguato sistema di depurazione l’agglomerato di “Mambrotta” (nel comune di San Martino Buon Albergo), si è previsto di realizzare un nuovo impianto di depurazione con la relativa rete di collettamento.
I lavori sono da poco stati avviati e la loro conclusione avverrà nel corso del  2019. L’intervento beneficia di un contributo a fondo perduto pari a 800.000€.
 
Intervento: Adeguamento dell’impianti di depurazione di Verona.
Adeguamento dell’impianto di depurazione di Verona con potenzialità pari a 410.000 AE dal costo previsto di euro 4.131.000.
 
 
 
Ufficio Stampa di Acque Veronesi e Amia
Marco Mistretta
ufficiostampa@acqueveronesi.it  
 

Allegati


Il nuovo presidente di acque veronesi (foto) (119 Kb) Roberto Mantovanelli e Mirko Corrà (foto) (6.427 Kb)